Pompa sommergibile per acque reflue tipo AFP

Pompe potenti per fognature altamente inquinate

La gamma di pompe sommergibili per acque reflue tipo AFP offre pompaggi affidabili ed economici di acque altamente inquinate in applicazioni commerciali, industriali e municipali. La linea AFP offre una gestione eccellente dei contenuti fibrosi e potenze fino a 600 kW (805 CV).

Vantaggi principali
  • Affidabilità a lungo termine
  • Eccellente gestione dei contenuti fibrosi
  • Sostenibile nella produzione e nel funzionamento
Applicazioni principali
  • Acque chiare
  • Acque di scarico
  • Acque reflue contenenti materiali solidi e fibrosi
  • Pozzetti di raccolta, sommersa con sistemi di accoppiamento automatici
  • Pozzetto a secco orizzontale e verticale con sistema di raffreddamento chiuso integrato opzionale
Caratteristiche principali
  • Isolamento di Classe H (140)
  • Tenuta meccanica al doppio carburo di silicio (SiC/SiC)
  • Sistema di raffreddamento integrato
  • Cuscinetti da oltre 100’000 ore di vita
  • Camera connessione dei cavi sigillata con entrata dei cavi a due stadi
  • Anello di sollevamento (opzionale)
  • Monitoraggio delle condizioni (temperatura, ingresso dell’acqua, in opzione monitoraggio vibrazioni)
  • Motori sommergibili incapsulati stagni, in versioni standard e antideflagrazione
  • Versione antideflagrazione opzionale (ATEX, FM e CSA in opzione)
  • Giranti multi paletta aperte e skew
  • Protezione sigillata dalle fibre rotanti
Caratteristiche tecniche
50 Hz

Flusso: fino a 2’470 l/s

Prevalenza: fino a 67 m

Potenza: fino a 750 kW

60 Hz

Flusso: fino a 2’800 l/s (44’400 US gpm)

Prevalenza: fino a 94 m (308 piedi)

Potenza: fino a 1’070 CV

Bocca di mandata fino a DN800
Campo prestazionale
Campo prestazionale 50 Hz
Campo prestazionale 60 Hz
Applicazioni
  • Serbatoio di ritenzione delle acque pluviali
    I serbatoi di ritenzione delle acque pluviali agiscono come depositi durante i periodi di elevate precipitazioni. Ciò è sempre più importante poiché le aree diventano più sviluppate, ricoperte con superfici dure quali tetti, strade e parcheggi che non possono assorbire l’acqua piovana. Quando si implementano i serbatoi di ritenzione delle acque pluviali, si possono utilizzare la gravità o delle pompe per offrire un flusso continuo ridotto nel sistema fognario. La competenza di Sulzer consente di evitare picchi di carichi idraulici e di limitare le sollecitazioni sui sistemi fognari esistenti.
  • Sollevamento iniziale dei depuratori
    Il sollevamento iniziale dei depuratori riceve le acque reflue municipali dalle stazioni di pompaggio di rete. Installate in pozzi a secco o a immersione, le pompe inoltrano i liquami a un impianto di trattamento per la purificazione finale. A causa della mancanza di filtri nella maggioranza delle stazioni di pompaggio, i materiali difficili, come prodotti sanitari fibrosi e imballaggi, sono una minaccia costante per i tempi di attività.
  • Stazione di pompaggio delle acque meteoriche
    Durante le precipitazioni intense, le stazioni di pompaggio delle acque meteoriche apportano grandi volumi d’acqua a bassa prevalenza alle acque superficiali o alle fognature. Facendo parte da molto tempo del sistema di contenimento delle alluvioni, queste stazioni sono sempre più coinvolte nelle strategie di adattamento climatico messe in atto dalle città costiere vicino al livello del mare.
  • Stazione di pompaggio in entrata
    Le stazioni di pompaggio in entrata sono in qualche maniera simili alle stazioni di pompaggio terminali più grandi. A seconda della profondità della fognatura in entrata, la prevalenza di sollevamento può variare da 2 a 30 metri. Per evitare carichi d’urto idraulici, che incidono negativamente sul processo biologico, le stazioni spesso utilizzano in parallelo azionamenti a velocità variabile e/o svariate pompe.
Come possiamo aiutarti?

Chiama o scrivi ai nostri esperti per trovare la soluzione migliore.