Modulo di comunicazione RS 485 tipo ABS CA 622

Espandi la comunicazione del tuo sistema

Il modulo di comunicazione tipo ABS CA 622 permette di inviare e ricevere informazioni da apparecchiature periferiche attraverso il controller pompa PC 441 utilizzando l’interfaccia Modbus RS 485.

Caratteristiche principali

Meno cavi nel sistema riducono i tempi e i costi di installazione, rendendoti operativo in pochissimo tempo. Il modulo CA 622 abilita la comunicazione con un massimo di 9 periferiche, quali variatori di frequenza, avviatori progressivi o misuratori d’energia, utilizzando la comunicazione RS 485 tramite il protocollo Modbus RTU. In questo modo, integrandoli si riduce la necessità di installare cavi e porte addizionali.

Collega i dispositivi periferici attraverso il modulo RS 485 isolato galvanicamente e vi accede attraverso l’interfaccia web di altre apparecchiature del sistema.

Collegando le periferiche attraverso l’interfaccia RS 48, non solo si semplifica l’installazione, ma si permette anche l’accesso a un numero maggiore di dati e informazioni rispetto alle connessioni con cavi.

Caratteristiche tecniche
Temperatura d’esercizio −20 a +50 °C (−4 a +122 °F)
Montaggio Guida DIN da 35 mm
Grado di protezione IP20, NEMA: Tipo 1
Materiale carcassa Polifenilenossido e policarbonato
Dimensioni A × L × P  86 × 58 × 35 mm
(3.39 × 2.28 × 1.38 pollici)
Umidità 0-95 % di umidità relativa senza condensazione
Tensione 9-34 V CC, SELV o Classe 2
Interfaccia seriale RS 485 una, optoisolata
Protocollo RTU master Modbus
Applicazioni
  • Acque reflue commerciali senza scarico dei WC
    Le acque reflue commerciali senza scarico dei WC includono scarichi e acque reflue grigie.
  • Controllo delle inondazioni
    I cambiamenti climatici sfidano la prevenzione delle catastrofi naturali. Quando l’acqua scorre sul terreno in grandi volumi, la gamma completa di pompe Sulzer offre soluzioni affidabili, economiche ed efficienti per il controllo delle inondazioni.
  • Serbatoio di ritenzione delle acque pluviali
    I serbatoi di ritenzione delle acque pluviali agiscono come depositi durante i periodi di elevate precipitazioni. Ciò è sempre più importante poiché le aree diventano più sviluppate, ricoperte con superfici dure quali tetti, strade e parcheggi che non possono assorbire l’acqua piovana. Quando si implementano i serbatoi di ritenzione delle acque pluviali, si possono utilizzare la gravità o delle pompe per offrire un flusso continuo ridotto nel sistema fognario. La competenza di Sulzer consente di evitare picchi di carichi idraulici e di limitare le sollecitazioni sui sistemi fognari esistenti.
  • Smaltimento di rifiuti commerciali provenienti dai servizi igienici
    Le acque reflue commerciali provenienti dai servizi igienici comprendono tutte le acque di scolo scaricate dai WC presenti in proprietà commerciali, industriali o pubbliche.
  • Sollevamento iniziale dei depuratori
    Il sollevamento iniziale dei depuratori riceve le acque reflue municipali dalle stazioni di pompaggio di rete. Installate in pozzi a secco o a immersione, le pompe inoltrano i liquami a un impianto di trattamento per la purificazione finale. A causa della mancanza di filtri nella maggioranza delle stazioni di pompaggio, i materiali difficili, come prodotti sanitari fibrosi e imballaggi, sono una minaccia costante per i tempi di attività.
  • Stazione di pompaggio delle acque meteoriche
    Durante le precipitazioni intense, le stazioni di pompaggio delle acque meteoriche apportano grandi volumi d’acqua a bassa prevalenza alle acque superficiali o alle fognature. Facendo parte da molto tempo del sistema di contenimento delle alluvioni, queste stazioni sono sempre più coinvolte nelle strategie di adattamento climatico messe in atto dalle città costiere vicino al livello del mare.
  • Stazione di pompaggio in entrata
    Le stazioni di pompaggio in entrata sono in qualche maniera simili alle stazioni di pompaggio terminali più grandi. A seconda della profondità della fognatura in entrata, la prevalenza di sollevamento può variare da 2 a 30 metri. Per evitare carichi d’urto idraulici, che incidono negativamente sul processo biologico, le stazioni spesso utilizzano in parallelo azionamenti a velocità variabile e/o svariate pompe.
  • Stazioni di pompaggio di rete
    Le stazioni di pompaggio di rete raccolgono le acque reflue da abitazioni e schemi comunali. Installate in pozzi a secco o in immersione, le pompe inviano le acque reflue a una stazione di pompaggio finale. Poiché la maggioranza delle stazioni di pompaggio non sono equipaggiate con filtri, le pompe devono far fronte a materiali difficili quali articoli sanitari fibrosi e da imballaggio.
  • Stazioni di pompaggio in uscita
    Le stazioni di pompaggio in uscita sono necessarie quando il livello dell’impianto di trattamento è inferiore a quello che riceve l’acqua. Questo è particolarmente vero quando si scarica in un fiume, il cui livello può salire durante forti piogge o periodi di alluvione, oppure nel mare, dove il livello varia con la marea. Le stazioni di pompaggio in uscita potrebbero anche essere necessarie per compensare le crescenti perdite da attrito che si presentano in un tubo ad alto flusso in uscita, ad esempio nei tubi a lunga uscita in mare.
Prodotti correlati
  • Controller pompa tipo ABS PC 441
    PC 441 è un quadro di monitoraggio e controllo fino a quattro pompe, progettato principalmente per l’uso nelle stazioni di pompaggio per acque reflue municipali. PC 441 ha molte caratteristiche avanzate per minimizzare i costi operativi e aumentare la disponibilità della stazione di pompaggio per tutto il suo ciclo di vita.

  • Pannello operatore tipo ABS CA 511
    Il CA 511 è un pannello operatore per il monitoraggio avanzato delle stazioni di pompaggio. Può essere usato solo in combinazione con l’unità di monitoraggio/controllo PC 441. La rete CAN‑bus gestisce le comunicazioni e fornisce l’alimentazione. Il display TFT da 480×272 pixel include 28 tasti per semplificare le operazioni e assicurare un’operatività semplice.

  • Unità di controllo infiltrazioni tipo ABS CA 441
    L’unità CA 441 esegue il monitoraggio delle infiltrazioni per pompe sommergibili. Con quattro ingressi di segnale, controlla fino a quattro singole pompe o una pompa con allarmi separati. L’unità può essere montata sia nel quadro elettrico che fino a 250 metri di distanza dalla pompa (utilizzando una messa a terra comune alla pompa). Il CA 441 può essere usato solo in combinazione con l’unità di monitoraggio/controllo PC 441.

  • Unità di controllo temperatura tipo ABS CA 442
    Il CA 442 è un’unità di monitoraggio della temperatura con quattro segnali in entrata. Può monitorare fino a quattro pompe con allarmi combinati (un allarme per pompa) o fino a quattro allarmi separati utilizzando un’unità per pompa. Il CA 442 può essere connesso al PC 441 attraverso un’interfaccia CAN‑bus e può essere utilizzato solo in combinazione con l’unità di monitoraggio/controller PC 441.

  • Unità di controllo parametrici elettrici tipo ABS CA 443
    Il CA 443 è un dispositivo per la misurazione delle proprietà elettriche da utilizzare per una stazione completa o una pompa singola. Può essere connesso al PC 441 attraverso un’interfaccia CAN bus galvanicamente isolata e può essere utilizzato solo in combinazione con il controller pompa PC 441.

  • Unità di espansione modulare tipo ABS CA 781
    Con l’unità di espansione modulare CA 781 potrai controllare un numero maggiore di pompe mediante il sistema PC 441 già esistente.

  • Miscelatori sommersi
    Sulzer a ridotto consumo energetico sono adatti a una vasta gamma di applicazioni in impianti di trattamento industriali e municipali. Forniscono la giusta soluzione per portare a termine i lavori di miscelazione in impianti di trattamento industriali e municipali: agitazione, miscelazione, dissoluzione e sospensione dei solidi.
Come possiamo aiutarti?

Chiama o scrivi ai nostri esperti per trovare la soluzione migliore.