Comunicato Stampa

Sulzer Mixpac continua a tutelare i propri diritti e a proteggere i propri clienti

Aprile 21, 2021

Sulzer Mixpac Ltd opera a livello globale nel campo dei puntali di miscelazione statici, delle cartucce e dei dispositivi di erogazione per il settore odontoiatrico. Recentemente, sono state scoperte sempre più copie sostanzialmente identiche dei puntali di miscelazione statica per cartucce e siringhe bicomponente. Queste copie di altri produttori non sono soggette ai severi controlli di qualità Sulzer e pertanto non sono coperte dalla sua garanzia. Nell’interesse dei suoi clienti, Sulzer continuerà ad intraprendere azioni legali contro tutte queste copie.

A partire dalla sua sentenza del 2010 (rif. Tribunale: 33 O 306/09), il Tribunale Distrettuale di Colonia ha deciso che le copie dei puntali di miscelazione a cupola Mixpac Candy Color (ad esempio giallo, verde acqua, blu, rosa, viola e marrone) rappresentano delle copie illecitamente imitative dei puntali di miscelazione di Sulzer Mixpac Ltd e portano ad un inganno evitabile in merito all’origine commerciale. La sentenza preliminare è stata confermata anche dal tribunale Regionale Superiore di Colonia con la sentenza del 2011 (rif. Tribunale: 6 U 189/10).

Negli anni, Mixpac ha continuato a tutelare con successo i propri diritti in svariate decine di azioni legali contro, o accordi stragiudiziali con, imitatori dei suoi puntali di miscelazione, e a tutelare con successo i propri brevetti, marchi o altri diritti di proprietà intellettuale contro alcuni puntali di miscelazione colorati contraffatti in molti paesi, tra cui Germania, Giappone, Brasile, Stati Uniti e Regno Unito.

Ad esempio, nel 2009 un tribunale statunitense, nell’ambito della causa Sulzer Mixpac v. Ritter GmbH, NSJ and Peng Waves (09 Civ. 9705 (DAB)) ha emesso un ordine restrittivo temporaneo, seguito da un’inibitoria preliminare, e una sentenza in contumacia e inibitoria permanente a conferma della validità e della violazione del marchio Mixpac Colored Dome, e di due brevetti statunitensi in vigore al momento della sentenza, che proteggevano gli aspetti tecnici del meccanismo di innesto a baionetta di Mixpac. All’epoca, svariati aspetti tecnici dei puntali di miscelazione Mixpac erano coperti anche da brevetti europei (tra gli altri, EP 0 730 913 B1 ed EP 0 723 807 B1) e il Tribunale Distrettuale di Düsseldorf come pure il Tribunale Superiore Regionale di Düsseldorf hanno confermato, nell’ambito di diverse cause per violazione di brevetti e proprietà intellettuale, che i puntali di miscelazione di Ritter a quel tempo violavano le porzioni tedesche di tali brevetti europei (rif. Tribunali: 4b O 110/09, I-2 U 151/09, 4a O 30/15, 4a O 36/15).

Con l’intento di chiarire i propri diritti, risolvere le controversie aperte ed evitare ulteriori controversie in futuro, nel 2016 Mixpac ha stipulato un accordo transattivo con Ritter GmbH e con i fratelli proprietari dell’azienda. L’accordo prevedeva l’impegno da parte di Ritter (con tanto di clausola penale contrattuale) di non offrire più i seguenti puntali di miscelazione dentali:

Fig. 1: Puntali di miscelazione oggetto dell’impegno

Poco tempo dopo, tuttavia, Ritter ha iniziato ad offrire e a vendere puntali di miscelazione dentali leggermente differenti (vedere sotto). Dopo il fallimento dei propri sforzi per dirimere la controversia in via negoziale, Mixpac ha avviato una causa per porre fine alla violazione dell’accordo e, come richiesto, il tribunale distrettuale di Monaco (Landgericht München I; 37 O 852/20) ha emesso un’inibitoria nei confronti dei convenuti, Ritter GmbH, Frank Ritter e Ralf Ritter, e ha ordinato che essi cessassero di offrire i suddetti puntali di miscelazione dentali leggermente differenti (vedere sotto).

Fig. 2: Puntali di miscelazione, leggermente diversi, di Ritter

I convenuti Ritter hanno inutilmente argomentato che l’accordo transattivo non sarebbe stato valido per diversi motivi, ma il tribunale ha respinto le loro obiezioni. Inoltre, il tribunale ha stabilito che le rivendicazioni contrattuali di Mixpac sono giustificate. Le lievi differenze tra i puntali di miscelazione (Fig. 1 sopra vs. Fig. 2) sono state ritenute irrilevanti e le caratteristiche principali invariate.

Oltre a ciò, il tribunale ha riscontrato che i puntali di miscelazione dentali colorati di Ritter (come mostratonell’ accordo transattivo, Fig. 1 sopra) sono molto probabilmente una imitazione illecita dei puntali di miscelazione dentali di Mixpac. Nell’eventualità di una azione legale, ci si dovrebbe seriamente aspettare che Mixpac avrebbe i diritti legali (sulla base della legislazione tedesca in materia di concorrenza sleale) per impedire a Ritter di offrire i suddetti puntali di miscelazione dentali colorati (Fig. 1 sopra). Le differenze rispetto ai puntali di miscelazione originali di Mixpac si limitano principalmente al dome (o cupola) trasparente, al tubetto di miscelazione colorato (simile ai Candy Colors di Mixpac) e alla nervatura del dome. Per quanto riguarda l’impressione visiva globale, il tribunale ha ritenuto che tali differenze non siano significative dal punto di vista del consumatore medio.

Secondo il giudizio del tribunale, i puntali di miscelazione dentali di Ritter (Fig. 1 sopra) sono una imitazione pressoché identica dei puntali di miscelazione Mixpac e portano ad un inganno evitabile in merito all’origine commerciale. Tale inganno non è compensato dalla dicitura (quasi invisibile) “Ritter” incisa sulla sommità della cupola. Inoltre, il tribunale ha riscontrato che non esiste alcun motivo giustificato sul piano fattuale a supporto dell’utilizzo quasi identico da parte di Ritter delle caratteristiche estetiche di design di Mixpac. Sarebbe invece ragionevole aspettarsi che Ritter adottasse piuttosto altre caratteristiche, così da creare il proprio design, caratterizzato da differenze visive in grado di distinguerlo dai puntali di miscelazione Mixpac.
Oltre all’inibitoria, il tribunale ha ordinato a Ritter, tramite una decisione che è ormai definitiva e legalmente vincolante, di fornire un resoconto dettagliato delle offerte e delle vendite di puntali di miscelazione colorati, e di versare la penale contrattuale, il risarcimento dei danni e le spese processuali.

In decine di procedimenti giudiziari in varie giurisdizioni di tutto il mondo, Sulzer Mixpac ha ottenuto sentenze e inibitorie permanenti che vietano la vendita di prodotti contraffatti sotto forma di copie pressoché identiche dei puntali di miscelazione Mixpac o altri prodotti imitativi. I prodotti contraffatti possono portare a una miscelazione errata o non sempre uguale, alla contaminazione del materiale da miscelare e/o a ritardi nelle procedure. Mixpac si impegna a tutelare i propri prodotti. I puntali originali Mixpac si riconoscono dal marchio MIXPAC™ stampigliato sull’anello di fermo e dal Sigillo di Qualità Candy Color.

Il vostro contatto

Cornelia Zeh

Communications & Event Manager

Telefono: +41 81 414 70 57

Potresti anche essere interessato a